KARTING

EMOZIONE & PASSIONE

FacebookTwitterInstagramYoutubePocketMags

Seconda prova da record

Seconda prova da record
Gare

Il campionato europeo della Rotax, che ha fatto tappa sul Circuito 7 Laghi a Castelletto di Branduzzo per la seconda prova, ha registrato record di presenze sia in assoluto (mai si sono contati ben 170 piloti al via nel periodo degli esami scolastici) che per quanto riguarda la rappresentanza italiana che ha oltrepassato la dozzina.,

Rotax Euro Challenge Rnd.2, Circuito 7 Laghi (I), 26 Maggio
I piloti non hanno purtroppo potuto beneficiare del clima normalmente primaverile di questo periodo, ma le gare sono state comunque spettacolari con diversi colpi di scena.
Nella Senior, la categoria con il maggior numero di partecipanti – ben 76 – il campione Junior della Rotax Grand Finals in carica Harry Webb è riuscito a conquistare la pole in qualifica, centrando il risultato massimo anche in prefinale e finale.
La concorrenza era agguerrita, con il recente vincitore della prima prova dell’europeo KZ Max Verstappen che si è dimostrato un rivale tostissimo. Dopo aver preso confidenza con il mezzo, l’olandese è riuscito a conquistare la seconda piazza in prefinale facendo segnare il giro veloce, e concludendo sul secondo gradino del podio anche in finale. Brand si aggiudica il terzo posto
Poca gloria per gli italiani presenti nella categoria (la più competitiva del campionato), con Aceto, Scatigna, Laghi, Trombelli, Alberti, Schiro e Borghese che riescono a centrare il repechage ma non vanno oltre.
 
Nella Junior, il cinese con licenza inglese Guan Yu Zhou si aggiudica la prima fila dopo le manche come anche la vittoria in prefinale davanti a Hall e Timmermans. Ma in finale la spunta Lamborelle davanti a Hall e Kristensen con il cinese che si deve accontentare della quarta piazza. Michele Candela, unico italiano nella categoria, non riesce a sfruttare il ripescaggio per giungere in finale.
 
Nella DD2, categoria a due marce di velocità, il belga De Ruwe è imprendibile sia in qualifica che in prefinale e finale. Juodvirsis prova ad impensierirlo centrando tre vittorie su tre nelle manche, ma in prefinale si dovrà accontentare della seconda posizione, mentre in finale dovrà cedere sia a Kancsar che a Lahio e a Lennox-Lamb chiudendo in quinta posizione. Bel recupero in finale anche per il campione di categoria della Rotax Grand Finals Ben Cooper, avanzato dalla 11esima alla 7° piazza, e per il nostro Alessandro Manetti, che chiude 8° dalla 13esima casella. L’altro italiano in gara, Antonio Piccioni, è costretto al ritiro dopo essere partito 12esimo.

Foto © RGMMC

OKKART srl © COPYRIGHT 2016 | P.IVA 02629390598 | PRIVACY POLICY