KARTING

EMOZIONE & PASSIONE

FacebookTwitterInstagramYoutubePocketMags

Samuel ci ha lasciati

Samuel ci ha lasciati
News & Anteprime

Desiderato Hudorovich, Samuel per gli amici, si è spento questa notte in una clinica romana stroncato da un infarto.

Già, lui che di sorprese ce ne ha fatte sempre tante, così anche nell'inatteso trapasso si è voluto distinguere. Ogni tanto ci faceva la piacevole sorpresa presentandosi senza preavviso per passare un po' di tempo qui in redazione a parlare di kart, e di sport in generale. Perché per chi non lo sapesse Samuel era un diversamente abile particolarmente preso dalla passione per i motori e non solo. Ed io che lo conosco dagli anni '90 vi assicuro che il suo rispetto nei confronti della vita e la spensieratezza che trasmette ai suoi simili, me compreso, è inimmaginabile. Ma è anche un fuori di testa... nel senso buono. Me lo immagino, anche se non si fosse ritrovato a vivere su una sedia a rotelle, non sarebbe stato “normale”. E anche lui, ogni tanto se ne rendeva conto, ridendoci sopra. Per Samuel il kart, ma i motori in genere (ha un quad da 700cc e non vi dico come ci andava) è una malattia incurabile. Sì perché a Samuel piaceva l'azione, tanto che alla fine, forte anche del titolo tricolore conquistato, è riuscito a spuntarla con la Federazione per partecipare alle gare insieme ai normodotati. Ne ho conosciuti pochi come lui che riuscivano a trasmettere tale carica. Ecco perché ci stavo bene insieme... come dire tra “schizzati” ci si capiva. Mi mancherà quel simpatico “rompicoglioni”, che voleva sempre averla vinta, in pista come nella vita. Samuel Hudorovich, un 43enne diversamente abile che non ti metteva a disagio, perché questa era la sensazione che si avvertiva quando ci si trovava davanti a questo ragazzo eccezionale. E alla fine, paradossalmente è stato il suo cuore a tradirlo, cioè l'organo che doveva gestire la tanta passione che sprigionava.  

OKKART srl © COPYRIGHT 2016 | P.IVA 02629390598 | PRIVACY POLICY