KARTING

EMOZIONE & PASSIONE

InstagramFacebookTwitterYoutubePocketMags

Quella sporca dozzina

Quella sporca dozzina
Evento

Ci piace immaginare che tra i 137 partecipanti al mondiale KZ e KZ2 a Le Mans (F), tra i papabili a fregiarsi del titolo iridato ne rimangano solo una dozzina.

Così come nel film di Robert Aldrich del 1967 che riportava le gesta di 12 militari condannati a morte per gravi reati a cui viene loro offerta la possibilità di salvezza partecipando ad una pericolosa missione nella Francia occupata dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, ci piace immaginare che tra i 137 partecipanti al mondiale KZ e KZ2 che si disputerà sempre in Francia, a Le Mans, tra i papabili a riuscire nell'impresa nel fregiarsi del titolo iridato ne rimangano solamente una dozzina.

È un'ipotesi, ovviamente, e non è detto che si avveri. Ma è altresì giustificato che per quanto fatto vedere in questa stagione al 90% il campione del mondo uscirà da questa famigerata dozzina.

 

Poi in una competizione a gara unica tutto può accadere, ma in KZ in cui militano almeno una decina di piloti titolati a livello mondiale il livello tecnico risulta molto alto.

Nella classe regina è scontato prevedere che in cima alla lista dei piloti da battere ci sono Camponeschi e Ardigò, come fatto intendere in occasione dell'Europeo. Ma il duo della Tony Kart motorizzato Vortex non avrà certo vita facile. A contendergli il mondiale c'è una nutrita schiera di piloti. L'inglese Hanley (Croc Promotion/Tm), l'avversario più ostico in occasione dell'Europeo finito sul podio iridato in altre 2 occasioni. Poi ci sono i senatori Foré (Crg/Maxter) e Thonon (Praga/ Parilla) che insieme sommano 5 titoli iridati della classe col cambio. Così come De Conto (Crg/Maxter), Lammers (Sodi/Tm), Kozlinski (Sodi/Tm), Puhakka (Crg/Maxter) e Abbasse (Sodi/Tm) da cui ci si attende una prestazione che riscatti la loro stagione poco brillante. Per completare la dozzina dei papabili alla conquista del titolo mondiale c'è l'olandese Jorrit Pex (Crg/Tm) tra i più in forma in questo momento e quindi tra i più temibili grazie anche all'assistenza di Jos Verstappen che ha dimostrato in più di qualche occasione di fare la differenza nella messa a punto del kart. Una chance la merita anche il francese Iglesias anche lui desideroso di dare un seguito alla bella prestazione nell'ultima prova dell'europeo.

 

In KZ2 il confronto è serrato. Sono sicuramente molteplici le incognite in una categoria così numerosa (101 piloti) in cui ogni pilota dovrà disputare ben 5 manche per guadagnare un posto nello schieramento di una delle due prefinali. E non è così scontato prendere come riferimento la classifica dell'Europeo per selezionare la lista dei papabili alla vittoria della International Super Cup. Perché oltre al campione Europeo Joel Johansson (Energy/Tm) di piloti che vanno forte ce ne sono diversi. A cominciare dagli italiani: Corberi (Tony Kart/Vortex), Tiene (Crg/Maxter), Celenta (Parolin/Tm), Piccioni (Righetti & Ridolfi/Modena Engines) e Zanchetta (Energy/Tm). E poi ancora Fasberg (Tony Kart/Vortex), Hiltbrand (Crg/Maxter), Stan Pex (Crg/Tm), Siebecke (Crg/Modena Engines), Pescador (Praga/Parilla), Habulin (TB Kart/Modena Engines) e dulcis in fundo Tom Joyner (Zanardi/Tm).

Il programma prevede giovedì 10 l'inizio delle prove libere. Così pure per la mattinata del venerdì. Mentre i crono ufficiali verranno realizzati nel pomeriggio. Sabato avranno inizio le manche (11 giri) di qualifica. Domenica Prefinali (15 giri) e Finali (22 giri). Il tracciato di Le Mans sviluppa 1384 metri. E viene percorso in senso antiorario: 5 curve a sinistra e 5 a destra; 3 rettilinei importanti... lo spettacolo è assicurato.


http://www.cikfia.com/fileadmin/content/Camps/Regulations/2015/Le_Mans/Academy/Timetable_Le_Mans_2015_DRAFT_01.pdf

Download: 

OKKART srl © COPYRIGHT 2018 | VAT IT02629390598 | Privacy Policy - Cookies Policy