KARTING

EMOZIONE & PASSIONE

InstagramFacebookTwitterYoutubePocketMags

Segway presenta il suo gokart elettrico in kit

Segway presenta il suo gokart elettrico in kit
News & Anteprime

Segway verso il futuro con un kart elettrico in kit.

Segway, l'azienda che ha inventato i dueruote autobilancianti propone un kit che trasforma il Ninebot MiniPro in un kart elettrico dotato di ampie regolazioni ed economico.

Sicuramente avrete visto, magari anche nei paddock delle gare, quesi piccoli hoverboard che permettono ai più scavezzacollo (non danno una grande impressione di stabilità) di andarsene in giro senza fatica. Ma avreste mai pensato che sarebbe stato possibile trasformarli in kart? Invece l'azienda che praticamente ha inventato questo genere di mezzi, la Segway (recentemente associata alla Ninebot che fa capo a Xiaomi) ha recentemente presentato il Ninebot Electric Gokart. Sostanzialmente si tratta di un kit che si aggiunge al Segway Ninebot MiniPro, che va a fare da motore e retrotreno, costituendo un kart che parrebbe avere le carte in regola per conquistare e far divertire una certa fetta di pubblico.
Tra le caratteristiche, oltre ai due motori elettrici da 800 W che possono spingere fino a 24 km/h (passando da 0 a 19 orari in 2 secondi) vi sono varie impostazioni gestibili anche da smartphone con una specifica app, nonché una completa possibilità di regolazione in lunghezza (oltre all'altezza del volante) adattandosi a bambini o adulti da 130 a 190 cm di altezza. Il kit non è ancora disponibile, ma su Indiegogo è prenotabile e si parla di prezzi per l'intero pacchetto (MiniPro + kit) di quasi 1500 dollari, quindi circa 1260 euro.
Certo non si tratta di qualcosa che va in competizione con i kart consueti, essendo adatto più al cortile di casa che a un vero kartodromo, ma crediamo sia qualcosa che può far affacciare per la prima volta al mondo del kart un consistente numero di persone. A questo punto però ci chiediamo: cosa offre attualmente il nostro settore a chi viene incuriosito in questo o altri modi?
C'è una categoria d'inizio che permetta di entrare nel mondo delle competizioni con poco impegno (sia agonistico che economico) senza spaventare? A nostro parere no, perché allo stato attuale anche i trofei di marca sono troppo esasperati, dal punto di vista di un neofita. Sarebbe dunque il caso che l'autorità sportiva affrontasse il problema per tempo, spingendo per vere categorie propedeutiche e "di accesso", prima di perdere un'altra preziosa occasione di espandere il numero di partecipanti. (by Volt)

Come già purtroppo successo in passato, quando si riuscì a non sfruttare occasioni come la partecipazione di Michael Schumacher al Mondiale kart del 2001, oppure la diffusione di un videogioco a tema come SuperMario Kart.

Lascia il tuo commento:

OKKART srl © COPYRIGHT 2018 | VAT IT02629390598 | Privacy Policy - Cookies Policy