KARTING

EMOZIONE & PASSIONE

InstagramFacebookTwitterYoutubePocketMags

Schumi 50 - Kerpen 2001: Quella volta che Schumacher sfiorò la vittoria nel Mondiale

Schumi 50 - Kerpen 2001: Quella volta che Schumacher sfiorò la vittoria nel Mondiale
Storie

In occasione del 50esimo compleanno di Michael Schumacher, Vroom ripercorre la storia del Mondiale FSA del 2001 di Kerpen quando il tedesco, già pluri campione di F1 con Benetton e Ferrari, si presentò a bordo di un Tony Kart.

Immaginate se ai nastri di partenza del prossimo Mondiale OK in Finlandia si presentasse... Sebastian Vettel. Sembra un sogno, vero? Un sogno che divenne realtà quando, nel 2001, il tedesco che rappresentava la Ferrari si chiamava Michael Schumacher. 

Allora non si parlava di OK, ma della Formula Super A, che celebrò l'ultima prova del Mondiale a Kerpen, proprio a casa di Schumacher. E il richiamo per il "Kaiser" fu irresistibile. Schumi non vinse nessuna delle due finali, che andarono a Sauro Cesetti (Kosmic), ma grazie ad una formidabile rimonta riuscì a chiudere in 2a posizione nella seconda Finale.



Le cose non iniziano bene in prova

L’inizio dell’avventura iridata non è dei migliori, infatti, nell'ultima sessione di prove ufficiali le condizioni dell’asfalto incerte hanno giocato un brutto tiro a Schumacher, che chiude attardato al 22esimo posto che corrisponde all'11esima fila nello schieramento delle due manche del pomeriggio.

La rabbia di Schumacher

Una circostanza che ha innervosito Michael Schumacher tanto da chiudersi
nel suo bunker (la tenda Tony Kart presidiata dalle guardie del corpo) a sbollire la rabbia per non potersela giocare con i primi.

Una serie di manche spettacolari

Nella prima manche riesce a recuperare fino a concludere ottavo; nella seconda un contatto in partenza e un guasto alla pompa dell'acqua non gli permettono di andare oltre la 15esima posizione. Così anche dopo le manche Schumi si ritrova ad affrontare le finali della domenica pomeriggio partendo da metà schieramento.



Impresa sfiorata in Finale 2

Sotto la pioggia escono i campioni. Ed ecco Schumacher. Sull’insidiosissimo asfalto preso di mira dalla pioggia, Schumi trova il corridoio giusto, quello esterno, per riuscire già al primo giro a sfilare al quarto posto (un'altra lezione ai “malandrini” del kart). Ma anche in quest'occasione il tedesco non è fortunato e la rottura del cuscinetto che sostiene il mozzo della ruota anteriore destra gli causa un amaro ritiro.

Lo Schumi-show si ripete al via della finale 2 e questa volta riesce a vedere la bandiera a scacchi che lo premia col terzo posto, trasformatosi in un secondo posto dopo la squalifica di Marco Ardigò (Birel).

E' una fortuna per tutti che Schumacher abbia rinunciato a precipitarsi a Padova per una partita di calcio di beneficienza con la nazionale piloti.

L'attesa dopo circa 40 minuti è valsa una foto che lo immortala insieme al neo campione del mondo Liuzzi e ai protagonisti di quest'ultima prova mondiale. 



Sul podio di Kerpen Sauro Cesetti (Kosmic/ Vortex) vincitore di entrambe le finali (la seconda assegnata a tavolino per la squalifica di Ardigò) tra Schumacher e Liuzzi, a sinistra lo stesso Ardigò con i colori Birel.

Foto copertina: Schumacher (Tony Kart/Vortex) e Rosberg (Parolin/Parilla) a stretto contatto in occasione del mondiale FSA 2001 a Kerpen (© Actualfoto)

Lascia il tuo commento:

OKKART srl © COPYRIGHT 2018 | VAT IT02629390598 | Privacy Policy - Cookies Policy