KARTING

EMOZIONE & PASSIONE

InstagramFacebookTwitterYoutubePocketMags

WSK Super Master Series, Adria - Finali

WSK Super Master Series, Adria - Finali
Gare

Una domenica dalle condizioni miste ha reso particolarmente spettacolare la fase finale del primo round della WSK Super Master Series.

All’Adria Karting Raceway, alla fine, sono riusciti a spuntarla Rashid Al Dhaeri , Rafael Camara  e Lorenzo Travisanutto .

OK - Haverkort parte spedito, ma è Travisanutto a vincere
Al pronti via, complice uno start non perfetto di Dilano van T’Hoff, Kas Haverkort mantiene la leadership. Ben presto un problema al paracostole causa più di una difficoltà a van T’Hoff, che piano piano scivola indietro. Ne approfitta Dexter Patterson il quale argina la fuga di Haverkort e lo infila all’ingresso della lunga sinistra che immette sul settore centrale della pista.

Anche Patterson, però, ben presto è costretto a cedere agli attacchi di un coriaceo Lorenzo Travisanutto. Quest’ultimo, scattato 7°, ci impiega 13 giri per risalire la china e fare propria la prima piazza. Alle spalle del leader è lotta a tre per la piazza d’onore, i protagonisti sono Harry Thompson, Haverkort e Patterson. Sarà proprio il primo ad avere la meglio, dopo aver preso il via dalla 27a posizione. Lo sgancio dello spoiler, però, lo priva della gioia del podio facendolo scendere 5°. 2° e 3°, dunque, sono Haverkort e Patterson.

OKJ - Camara a sorpresa
Il weekend della Junior non delude le grandi aspettative dell'attesa. Il fine settimana bagnato di Adria aveva completamente stravolto i risultati fin dalle manche. Condizioni difficili per tutti i piloti, hanno poi dato vita ad una domenica di Finali per nulla scontata, soprattutto grazie al fondo via via asciutto. Solido per tutta la kermesse, Rafael Camara ha stupito gli addetti ai lavori con una prefinale da urlo, utile per la pole position in Finale. I sedici giri decisivi hanno consentito al brasiliano di puntare al colpo grosso, lottando giro dopo giro per la vittoria finale. Il successo, merito anche della lotta tra Sobrepera e Siverholm, ha letteralmente lanciato il driver Birel Art al comando della prima classifica generale. Dopo la penalità inflitta a Sobrepera (manovra forza ai danni di Siverholm all'ultimo giro), secondo posto per il trionfatore della Rotax Grand Finals, Robert De Haan, terzo l'ottimo Thomas Ten Brinke con dieci posizioni guadagnate. Chiudono la top five Marcel Kuc e Arvid Lindbland, rispettivamente in quarta e quinta piazza. Sesto posto per Andrea Kimi Antonelli, leader della fasi iniziali, top ten per il Campione Italiano Rok Junior, Paolo Ferrari con l'ottavo posto. Da segnalare le 23 e 20 posizioni rimontate da parte di James Wharton e Marcus Amand, entrambi in top ten.

Final B.
Laurens Van Hoepen, tra gli esclusi d'eccezione per la Finale A, stravince nella B con l'ottimo passo gara dimostrato. Seconda piazza per Vinicius Tessaro, con ben cinque secondi di ritardo, terzo Miron Pingasov. Weekend positivo per Cristian Bertuca con il nono posto finale, primo degli italiani.

60 Mini- Al Dhaeri rimonta, vince e convince  
Rashid Al Dhaeri lancia un chiaro segnale alla concorrenza per tutto il 2019. Il driver degli Emirati Arabi trionfa nella finalissima Mini con sette posizioni rimontate e tre secondi di vantaggio sul diretto concorrente per il successo. Medaglia d'argento attribuita al solito noto Ean Eyckmans, bronzo per Maksimilian Popov. Completano le prime cinque posizioni finali, Alex Powell e William Macintyre.

Finale B
Andrea Filaferro si prende ancora la scena con il secondo successo di fila dopo la Champions Cup. Rimonta stratosferica quella dell'italiano con ben 29 posizioni rimontate rispetto allo start. Podio sancito da Nikola Tsolov e Daniel Krausz.

Appuntamento dunque al secondo round della Super Master Series WSK in quel di Lonato (24 febbraio 2019).

Simone Corradengo
Andrea Giustini


Credits: Raceframe

OKKART srl © COPYRIGHT 2018 | VAT IT02629390598 | Privacy Policy - Cookies Policy