I mestieri del motorsport: Fotografi da corsa

- Speciale
Il mondo degli sport motoristici ha sempre affascinato e incuriosito le persone per quella sensazione di velocità e per tutti quei sentimenti che ispira, ma chi narra la storia e li fissa per sempre?

Il motorsport è quel mondo particolare quanto sterminato e spesso troppo "per pochi" costituito da più entità che alla fine danno il risultato finale. Non solo gare e piloti dunque, che seppur parte integrante dello spettacolo a motore, deve essere supportato da chi lavora dietro le quinte e permette alla singola gara di diventare una pagina di storia sportiva. Nel nostro speciale presente su Vroom International di Maggio, abbiamo duqneu cercato di raccontare il mestiere del fotografo da corsa, particolare nella sua integrità e vero e proprio punto di riferimento per tutto il comparto media. Per farlo abbiamo intervistato alcuni dei principali fotografia del paddock internazionale, di seguito un piccolo estratto dell'articolo completo che potrete leggere anche in versione digitale su PocketMags (CLICCA QUI).

Chris Walker (kartpix.net)
- Quanto tempo hai impiegato per sviluppare il tuo stile?
«Non sono sicuro di quanto tempo abbia impiegato a sviluppare uno stile, o se mai lo avessi fatto, quando ho iniziato per la prima volta negli anni '80, ho sicuramente provato tutti i diversi tipi di film in bianco e nero, stampa a colori e diapositive, e in particolare con la pellicola per diapositive nel corso della giornata, l'esposizione doveva essere assolutamente azzeccata ed è qualcosa che mi ha sempre sostenuto, quindi dall'ottenere la mia prima macchina fotografica corretta alla pubblicazione delle immagini è stato probabilmente nel giro di quattro anni».

Giovanni Cuna (cunaphoto.it)
- Quali differenze trovi nella fotografia attuale con quella di qualche anno fa?
«Dobbiamo capire a che ora si intende l'intervallo di tempo, se da qualche anno ormai o dal passaggio dalla pelle al digitale. Senza andare troppo a lungo, descrivo quali sono le differenze che ho notato in questa era "digitale". Personalmente ho notato sempre più l'uso di programmi per realizzare foto "piacevoli" che in alcuni casi sarebbero state inaccettabili. Per l'amor del cielo, il mio non vuole essere controverso, ma l'uso dei vari programmi di fotoritocco deve essere usato con parsimonia, non nego anche l'uso da parte mia, ma distorcere la vera natura delle immagini rende l'immagine molto più sottile linea di demarcazione tra fotografia e grafica. Il futuro del digitale è una conseguenza dei tempi, il progresso è inarrestabile. In questi anni ho conosciuto molti ragazzi che si sono avvicinati alla fotografia nel karting, molti bravi e molti meno, ma non spetta a me giudicare. Le nuove generazioni forse richiedono la strana foto e va bene, rimango dell'opinione che prima di avvicinarti a una certa categoria, che sia Sport, Natura morta, Moda ecc., Devi riempire i bagagli, sono sicuro che in molti apprezzerebbero la vecchia stanza "rossa", il fascino di vedere apparire l'immagine facendo oscillare una ciotola di liquido rivelatore, ti farebbe battere il cuore».

Davide Pastanella (Wafeproject)
Prima di essere un pilota, qual è il miglior ricordo che ti viene in mente?
«Come pilota la vittoria del campionato italiano ad Ugento nel 2005, una gara incredibile in cui tutto è stato perfetto, ho vinto senza nemmeno una goccia di sudore ... la prima volta tutto ha funzionato perfettamente. Come fotografo, la finale mondiale a Essay nel 2014 in cui Lando Norris ha vinto il campionato del mondo è stato il mio primo anno come fotografo a un campionato del mondo ... dopo il pilota che ha vinto, non sapevo chi fosse e chi sarebbe arrivato in F1, ma ho rivissuto le stesse sensazioni che ho provato come pilota, in pista, provando a provare quello che ha provato ... e sotto il podio ho pianto di emozione».

Vincent Franken (FM Images)
Qual è la parte migliore e peggiore del tuo lavoro?
«Viaggio molto, l'anno scorso ho fatto circa 50 voli e non mi ci sono mai abituato. Una volta arrivati ​​in pista non c'è tempo per riposare ma devi lavorare al più presto possibile. La parte buona è che vedi molto del mondo e, cosa più importante, vedi le tue foto e iul tuo lavoro apparire sui social media, sulle riviste e sui giornali».

 Mario Perrucca (Mario Perruca)
- Mario quando nasce la tua passione per la fotografia e i motori?
«Direi sempre e per questo devo solo ringraziare mio padre che mi ha trasmesso, anche involontariamente, entrambe le passioni. Tuttavia, quest'ultimo ha sperimentato due tracce parallele, almeno all'inizio. In effetti, sin da bambina seguivo le gare di Formula 1 in TV con mio padre».

S.Corradengo
Credits: FM images
 

Lascia il tuo commento:

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!
Follow Us on Facebook