VROOM 246, ANCHE PER I PIÙ PICCOLI

Ebbene sì, cari lettori, la linea editoriale di Vroom aumenta la sua già ricca offerta presentando da questo numero uno spazio particolarmente importante, una rubrica che risponde alle richieste dei nostri più piccoli sostenitori. Finalmente una sezione dedicata ai lupetti della minikart. Vroomkids!!! Meglio tardi che mai. Confidiamo nella partecipazione dei piccoli lettori a spronarci nel personalizzare questa neonata rubrica affinché possa soddisfare le loro ambiziose aspettative. E da subito in regalo l'originale adesivo Vroomkids. Buona lettura.

Editoriale 246

LO SPIRITO LIBERO TORNA AD ALEGGIARE

Cari kartisti, in questo ultimo mese mi sono giunte tante email e telefonate di alcuni di voi spiazzati da alcune disposizioni Csai, che ha pensato bene di giocare uno scherzetto ai kartisti arrogandosi la libertà di aumentare il costo della licenza per le manifestazioni Prodriver, invece di applicare una riduzione come vociferato in precedenza.
Certo non è una bella notizia per il kartista che vuole partecipare alle gare tempo libero (ora Prodriver) che oltre alla licenza di conduttore è obbligato a richiedere anche la licenza di concorrente persona fisica che, sommata alla tessera ACI, arriva così a sborsare circa 110 euro. Vallo a giustificare il perché di questo considerevole aumento (il 200%)!
Ma più dei soldi (quanto ne siete stati costretti a versare in questi anni di disastri federali? Molti di più non credete?) l’aspetto che più fa discutere e infastidisce è la mancata considerazione che la Csai nutre nei confronti del movimento kartistico italiano, il solo che rappresenti degnamente la disciplina motoristica su quattro ruote in Italia.
Come pure la strafottenza con cui è stata messa da parte una federazione karting legittimata dal voto dei kartisti… E così, invece di accattivarsi le simpatie dei praticanti di questo sport nonché di potenziali elettori (e il presidente Sticchi dovrebbe saperlo), adoperando una politica del “vogliamoci bene” e del “poi si vedrà” la Csai ci ha sputato sopra e chi non è d’accordo “chissenefrega”.
Se alla Csai poco importa del kart amatoriale, e lo palesa continuamente preferendo quel carrozzone patinato che ben rappresenta il karting professionistico, sappiate che la storia di questo sport l’hanno fatta i numeri e i kartisti che corrono solo per passione, forti di un credo nel quale sono ancora molti quelli che ne rispettano i canoni.
Anni fa scrissi, in uno dei miei editoriali, che il kartista è uno spirito libero. E oggi ne sono sempre più convinto.
Ormai anche il karting si è trasformato in una sfrenata lottizzazione senza confini, né obblighi, e ognuno si prende la libertà di scegliere il proprio spazio: associazioni, KC, gruppi di amici o anche solo conoscenti. Così come quando si gioca a pallone nel campetto della parrocchia. Fuorilegge? Come tutti i kartisti che non fanno di proposito la licenza? Macché fuorilegge d’Egitto, ognuno a casa sua può invitare chi vuole. Come non sta scritto da nessuna parte che si deve obbligatoriamente versare una somma per una licenza che non ha alcuna valenza se non si vuole partecipare alle gare regolamentate dalla Csai. Il karting amatoriale non deve necessariamente rispondere a degli obblighi precostituiti. Il karting amatoriale è un mondo senza confini e senza costrizioni. Chi comanda è la passione e ogni appassionato è libero di praticarlo come meglio gli aggrada.
In conclusione. Gli yankees (i cosiddetti fuorilegge) che prolificano sono una chiara ripercussione alle malsane politiche attuate da chi governa il karting. Pagare una licenza 10 euro, o 50 euro, oppure 100 euro, non è un problema, è solo che a tale versamento non è corrisposta alcuna garanzia e attenzione riguardo le necessità e le problematiche che assillano da troppo tempo il kartista della “domenica”. Così senza una giustificazione il costo della licenza finisce per accreditare l’ennesima operazione speculativa.

Giuliano Ciucci Giuliani







SOMMARIO ANALITICO VROOM 246



 COPERTINA


ROTAX MAX AL CONTRATTACCO

QUESTO FA PENSARE
Non è nato ieri e non è la prima volta che lo proviamo, ma ogni volta che lo saggiamo in pista il motore Rotax Max dell’omonimo Challenge ci diverte, ci stuzzica e ci fa riflettere. Da un lato sui motivi che hanno reso questa categoria un successo di proporzioni mondiali, dall’altro su quelli che invece hanno fatto sì che in Italia non sia ancora stata accolta come merita.




VROOMKIDS

È NATA LA RUBRICA DEDICATA AI CUCCIOLI DEL KART
Il futuro di VroomKids dipende da voi Vroomini. Specialmente di quelli che già si dilettano a navigare nel nostro sito o a chattare con i compagni di scuola. Hai domande? Consigli? Qualche dubbio? Non perdere tempo. Scrivi a: vroomkids@vroom.it. oppure via posta a VroomKids via Mozart, 1 - 04011 Aprilia (LT).





LICENZE 2010

COMPLICAZIONI MASSIME
Che la burocrazia sia qualcosa che con lo sport non ha (o non dovrebbe avere) niente a che spartire, probabilmente siamo tutti d'accordo. Che tuttavia talvolta sia un male necessario e sopportabile, anche. Ma che le complicazioni burocratiche vengano rese artificiosamente così tentacolari da arrivare a compromettere la possibilità di iniziare un'attività sportiva, pare davvero inaccettabile.





FIERA DI MONTICHIARI

IL SALONE KARTING ITALIANO
Kart & Race, la manifestazione espositiva kartistica ospitata dalla Fiera di Montichiari, nel bresciano. Salone che si è ripetuto quest'anno, alla sua seconda edizione, giustificando anche stavolta la sua presenza grazie al flusso di visitatori: si parla di 6.500 presenze.





PRIMO PIANO, LA NUOVA CRG

LA CITTA' DEL KART
Il Tinini Group ora comprende la faraonica CRG (telai), la Maxter (motori) ed è coinvolto in altre realtà
dell’industria kart come la Primatist.





INTERVISTA A GIANCARLO TININI

"PERCHÈ COSÌ NON SI PUÒ ANDARE AVANTI"
Mr. CRG puntualizza i motivi che lo avevano spinto a diffondere un’intervista sullo stato di salute del karting e si spiega meglio su alcuni aspetti apparentemente contraddittori





PRIMO PIANO

L'EURONOVA DI VINCENZO SOSPIRI
Abbiamo assistito ad un test in pista della Euronova Racing, il team di Vincenzo Sospiri. Tra uno stint e l’altro, abbiamo parlato con questo grande campione di come effettuare al meglio il passaggio dalla kart alle auto…





SPECIALE PALMARES

"ER PIÙ" DEL DECENNIO
Il nuovo millennio ancora ci rimbomba nella testa che il 2010 ci ha colto quasi di sorpresa. alla chiusura del decennio 2000-2009 ripercorriamo insieme le gesta dei campioni che hanno lasciato il segno. Ma chi è stato il pilota più forte? E il team che ha vinto più titoli?





NUOVE OMOLOGHE 2010-2018/II p.

LA TENDENZA È VERTICALIZZARE
Prosegue la carrellata dei motori di nuova omologa. Si conferma in un certo senso quanto percepito già all’inizio dell’anno: la tendenza nella categoria con il cambio meccanico, KZ, a ridurre l’inclinazione del cilindro rispetto alla verticale a valori molto esigui, tanto da poter parlare, per alcuni motori, di cilindro verticale Questa impostazione è completata da una certosina compattazione del carter in senso longitudinale tramite il riposizionamento dell’asse del selettore del cambio.





RAGGI X

MAXTER 125 KZ e KF, I GEMELLI DIVERSI
Campioni del Mondo in carica nelle categorie KF1 e KZ1, i motoristi Maxter hanno fatto tesoro delle esperienze maturate sui campi di gara per le nuove omologhe. Il KZ MXO ha subÌto degli affinamenti, mentre il KF XF è stato letteralmente stravolto!





TESI & ANTITESI

LA POMPA DELL'ACQUA, IN CERCA DI UNA POSIZIONE
La pompa dell’acqua è un elemento essenziale nei motori raffreddati a liquido, anche in quelli dei kart. Sui quali però si pone un dubbio unico nel panorama motoristico: dove metterla? Davanti all’assale per essere trascinata da questo, oppure integrata nel motore? Vediamo vantaggi e svantaggi di entrambe le soluzioni e i motivi di questo dilemma molto singolare





TECNICA

L'ANTICIPO DI ACCENSIONE
Anticipo fisso, variabile, curve di accensione... ecco tutto quello che bisogna sapere per tirare fuori il meglio dal nostro motore!





PRIMO PIANO

CHIMERA KARTING E IL 125 EUROPA
Grazie al cuore degli appassionati i derivati motociclistici resistono ancora oggi. Anche perché le buone idee hanno le gambe lunghe.





COME SI GUIDA A TRISCINA

TRISCINA È PRONTA PER L'OPEN MASTERS
La stagione 2010 sarà un punto di svolta per il kartodromo Castelvetrano di Triscina: evento clou sarà la disputa della prova dell’Open Masters. Un piccolo vademecum per raggiungere la pista, dove soggiornare e, ovviamente, i segreti del tracciato!





SPECIALE REGIONI: MARCHE vs ABRUZZO

I MERAVIGLIOSI ANNI '80/'90
I dati della partecipazione alle gare del 2009 fanno sorridere se confrontati con quelli degli anni ’80 e ’90, quando alle gare regionali la 125 Junior registrava minimo 30 partenti e le categorie con il cambio di velocità arrivavano in totale a 70 piloti, e si dovevano disputare le batterie eliminatorie.





VROOM VINTAGE

IL KAIMANO MORDE ANCORA
Senza ombra di dubbio, Tecnokart è stato uno dei costruttori di telai più influente di tutti i tempi. Fondata nel 1962 dai fratelli Gianfranco e Luciano Pederzani e Nini Zini a Bologna, il kaimano costituisce tutt’ora il basic concept dei moderni kart da competizione grazie al suo design rivoluzionario.





LO SQUADRONE VENUTO DALL'EST
Il padre del motore 2 tempi a valvola rotante fu Walter Kaaden, ma non fu solo nel dare vita a questa rivoluzione… Ecco la seconda parte della "Spy Story" MZ


RUBRICHE

PRESA DIRETTA
MONDOKART
A TUTTA POSTA
VROOMARKET
CALENDARIO


Created by: admin - 29/01/10

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!