Pilota a 78 anni: quando la passione per il kart non ha età

Columns: Intervista
Amando Solla ha 78 anni e ne ha dovuti aspettare 67 per avere il suo primo kart. Da allora, viene nei circuiti nei fine settimana come amatore per godersi la sua passione. In questo difficile periodo, lui come tutti gli altri, è stato costretto a mettere da parte il kart a causa della pandemia, aspettando di tornare presto in pista!

Amando Solla (Pontevedra 1941) ha vissuto metà della sua vita alle Isole Canarie, dove è arrivato nell'agosto del 1980 dopo aver vissuto in posti come Madrid, dove ha guidato per la prima volta un kart, nel 1971, come lui stesso dice "a quel tempo, potevi noleggiare e provare alcuni kart nella casa di campagna, ed era lì che sono stato in grado di guidarne uno per la prima volta, avevo 30 anni".

Quella fu solo una fugace esperienza, successivamente per motivi di lavoro, Amando fu poi costretto a trasferirsi nel continente africano, in Mauritania, dove ha vissuto prima di approdare alle Isole Canarie di Fuerteventura negli anni '80, dove vive ancora oggi. Anche se il kart stava già godendo di una certa presenza sulla penisola, la situazione era diversa sull'isola "qui non era ancora arrivato, non c'era nulla".



Pertanto, l’amore per il kart di Amando è stato costretto ad aspettare alcuni anni prima di sbocciare del tutto, prima di essere uno dei tanti amatori che arriva sul circuito nei fine settimana per godersi il suo hobby, "la prima volta fu circa undici anni fa quando comprai il mio primo kart, avevo 67 anni ". Anche se qualche mese prima, nell'officina in cui aveva sviluppato la sua professione, aveva costruito lui stesso un kart, con l'idea che anche suo nipote l'avrebbe provato "prima ho costruito il mio, con un motore pneumatico da 100 cc, poi ne ho già acquistati diversi in negli anni seguenti, una Birel, un Tony Kart e un CRG, tutti con un motore KZ2, e poi una CRG Rotax DD2, che è quella con cui guido attualmente, qui nella Gran Karting Fuerteventura ".

Il sabato è di solito il giorno scelto per andare sul circuito, dove Amando e una dozzina di amici si incontrano in pista "Di solito faccio 10-12 giri come tutti gli altri, hanno 30 anni circa. Nel gruppo c'è anche mio figlio che ha 50 anni, mentre il secondo per età dopo di me, arriva circa a 64 anni. Quando mi fermo è di solito a causa del collo, spesso mi frena, se non fosse per quello potrei girare più a lungo” .



Tuttavia, Amando non si limita a girare lentamente "quelli più veloci hanno un gap di circa un secondo e mezzo su di me. Se il tempo sul giro è di solito, a seconda del giorno, tra 45 e 46 secondi, io faccio 47 o 48 basso ". Ciò che gode di più del kart è la velocità "a volte andiamo a Lanzarote, su una pista con un rettilineo più lungo, dove possiamo raggiungere velocità massime più elevate, è la cosa che più mi fa divertire nel kart, la sensazione di velocità che ti restituisce non ha pari".

Il caso del nostro protagonista quasi ottantenne è eccezionale, aiutato come dice lui stesso da una buona genetica, ma anche da uno stile di vita attivo e sano.
"Ho una buona genetica e rimango attivo. Vivo in un paese con molto spazio intorno a 500 a pochi metri dal mare, qui non c'è l’industria o l’inquinamento. Esco con il mio pastore tedesco per correre, circa 2-3 chilometri al giorno, anche se ora con l'ordine di confinamento, non è possibile".

Speriamo che presto si possa correre di nuovo e, naturalmente, tornare alla vita da paddock.

Testo: José Omedas - Vroom Spagna
Traduzione: S.C.

Created by: scorradengo - 10/04/20

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!