Jaime Alguersuari, pronto al rientro in pista nel weekend di Campillos

Columns: Intervista
Poco prima del suo ritorno in gara tra pochi giorni all'interno del campionato spagnolo, Jaime Alguersuari si racconta. Riflessivo e pronto a competere, lo spagnolo è tornato a divertirsi in pista,

Jaime, come sono stati i test a Campillos con MDC Racing prima dell'inizio del Campionato Spagnolo di karting?
«Molto bene. Abbiamo guidato tutto il fine settimana, facendo giri e provando molto, è quello che mi serve ora, devo ancora migliorare, ma mi sento molto bene. Sono molto felice con la squadra, Oriol Dalmau è una grande persona, mi hanno accolto a braccia aperte e sono molto felice».

Per quanto tempo sei rimasto senza karting dopo il tuo ritiro dalle corse?
«Credo che siano stati circa sette o otto anni. Ho corso il campionato del mondo KZ1 a Varennes nel 2013, quella è stata la mia ultima gara in karting, poi ho corso in Formula E e mi sono ritirato, e non sono tornato ad allenarmi in karting o altro, fino a mesi fa quando ho fatto di nuovo al circuito di Sete Gibernau. Poi ho pensato di tornare e ho raggiunto un accordo con la CRG, è stato fantastico».

Com'è il ritorno nel paddock e l'atmosfera dei circuiti?
«La verità è che sono molto felice. Ora mi dedico alla musica, e la pandemia ha paralizzato molto la vita notturna, le possibilità per me di viaggiare e condividere la mia musica con la gente. Ero in un momento della mia vita in cui avevo bisogno di un nuovo impulso, una nuova sfida, un'ispirazione speciale per continuare ad essere entusiasta. Il karting è sempre stato nel mio cuore e mi sta dando questo».

Sembra che il ritorno al karting significhi più di un semplice divertimento per te?
«Tutti abbiamo bisogno di nuovi impulsi e sfide, che ci fanno continuare ad evolvere... per me tornare al karting è stato un modo per uscire dallo studio registrazione, in un certo senso la mia zona di comfort. Riconnettermi con qualcosa che mi ha dato tutto, incontrare nuove persone nel paddock, vedere i bambini eccitati, questo mi riempie di ispirazione e quell'energia positiva è qualcosa che ti porti dietro. Probabilmente è qualcosa che mi aiuterà anche nella mia musica».

A livello tecnico o sportivo, qual è la sfida di questa nuova tappa?
«Per un pilota completo, una delle cose più difficili non è solo essere veloci, ma capire perché si va veloce... o perché si va piano. Devo testare il materiale, capire come si comporta un assale o un altro, diversi mozzi, sedili più o meno rigidi, mescole di pneumatici, in diverse condizioni di pista... sono cose che conosco dal passato, ma devo riprendere confidenza con tutto questo. E se parliamo di un campionato del mondo di karting, è tutto al massimo livello. Considero il kart la disciplina più complicata nel motorsport».

La tua prima gara sarà questa settimana a Campillos, all'inizio del Campionato Spagnolo 2021, quali sono i tuoi obiettivi per l'evento?
«Correre il CEK rientra nel piano di allenamento. Logicamente mi piacerebbe vincere e stare davanti, ma in questo momento non posso dire cosa succederà, considero l'evento come un test. Come ho detto prima, ho bisogno di provare delle cose. La cosa più importante è fare giri per trarre conclusioni ed essere pronto per il Campionato del Mondo, con una solida base in termini di tecnica e conoscenza del materiale, e anche fisicamente».

Incontrerai molti piloti Mini che stanno iniziando nel karting, con sogni da realizzare, obiettivi in giovane età, forse la F1 nelle loro menti. Cosa pensi di tutto questo dopo essere stato in entrambe le realtà?
«È un argomento importante e non si vede solo nel karting, ma anche nelle moto, nel golf, nel tennis, in molti sport. È qualcosa che ho discusso con mio padre anni dopo, perché curiosamente, nel mio caso in particolare, nella mia famiglia, quando ho iniziato a correre nel karting non avevamo mai pianificato di raggiungere la F1 o altre categorie».

L'hai fatto senza pressione, senza obiettivi concreti o a lungo termine...
«Proprio così. Quando ho iniziato, non ero davanti, anzi, ero dietro, e quando mi toglievo il casco volevo giocare a calcio con i miei amici nel paddock. Quell'innocenza, quella disinvoltura è ciò che ti fa essere te stesso, perché sei un bambino, senza alcuna pressione. Bisogna lasciar crescere i bambini, senza "robotizzarli". Questo è il messaggio che vorrei trasmettere, che dovrebbero dare tutto, ma godere il momento e il privilegio di essere un weekend in un evento di karting».


J. Omedas

Created by: scorradengo - 01/06/21

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!