Castelletto - Round 6, Report

Press Release by:
Columns: Gare
Sabato 9 luglio il Campionato Briggs Kart ha fatto tappa in Lombardia sul circuito 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo.

Ancora una volta tanti piloti hanno risposto all’appello, nonostante il periodo delle vacanze stia entrando nel vivo e, di nuovo, lo spettacolo offerto in pista dai partecipanti è stato entusiasmante. Tutti i big delle singole categorie hanno lottato sul filo dei millesimi dando vita a tanti duelli equilibrati ed avvincenti.
Ottima come sempre l’Organizzazione dell’evento e molto apprezzato è stato anche il circuito, capace di esaltare le caratteristiche tecniche delle classi Briggs, rendendo tutte le gare molto combattute e divertenti. Dal punto di vista sportivo è stata una giornata importante, con alcuni piloti usciti da questo Round 6 con un bottino di punti magro e altri capaci, invece, di portare a casa punti molto pesanti, muovendo la classifica a proprio favore, quando mancano solo 3 appuntamenti al termine della stagione. Tra questi, un cenno va fatto certamente a Gabriele Magistro (K-Dad Motorsport Racing Team) nella Mini, bravo ad imporsi in entrambe le gare tra i più giovani, così come al suo compagno di squadra Andrea Costa, che ha vinto Gara 1 nella Junior, categoria nella quale non ha sbagliato nulla in “chiave” Campionato anche Rodolfo Cambiaso (team Keystone & Ldc), che ha chiuso al 2° posto Gara 1, per poi vincere la 2ª Finale mantenendo la leadership in Campionato.
Avvincenti e spettacolari come sempre sono state le due categorie maggiormente affollate di piloti: la Senior e la Master. Tra i Senior ha ottenuto una bella doppia vittoria Diego Colella di Zena Karting, mentre nella Master Simone Frealdo (Paprika Racing Team) ha vinto Gara 1 e Stefano Albanese di Scuola Karting Abruzzo Academy la 2ª Finale.
In Campionato, Chenda guida la classifica Mini con 235 punti forte di ben 7 successi, seguito da Finadri a quota 218 e Magistro, salito al terzo posto dopo la doppia vittoria di Castelletto. Nella Junior Rodolfo Cambiaso ha mantenuto la leadership portandosi a quota 225 punti, seguito da Nicali con 178 e Zacchi rimasto a quota 157, in quanto non presente a Castelletto. Nella Senior sorpasso di misura di Ferrazzini ai danni di Ceccato, con il pilota del Paprika Racing Team divenuto il nuovo leader con 201 punti contro i 198 di Ceccato e i 191 di Guerra. Infine nella Master, la giornata negativa di Cavalieri ha favorito Perseghin (nonostante il ritiro in Gara 1), che passa a condurre la classifica provvisoria con 144,5 punti, mentre Cavalieri scivola al 2° posto, seppur staccato di sole 3 lunghezze. Molto vicino in classifica anche Frealdo, che si è portato a 141 punti.
Tra i team Scuola Karting Abruzzo Academy ha scavalcato Zena Karting per soli 9,5 punti (779 contro 769,5) e al 3° posto segue Keystone & Ldc con 767 lunghezze.
Tutti i giochi sono ancora apertissimi e i tre appuntamenti dopo la pausa di agosto (Cremona, Cervia e Pomposa) saranno assolutamente da non perdere.
 
MINI - Un problema tecnico in prova ha costretto nelle retrovie il leader del campionato Chenda, favorendo la prima pole (meritata) di Gabriele Magistro. Il pilota del K-Dad Motorsport Racing Team, particolarmente a proprio agio sul tracciato lombardo, ha legittimato il miglior tempo nelle prove cronometrate, andando a vincere anche Gara 1, se pur dopo un duello molto serrato con Federico Chenda, che ha rimontato fino al 2° posto e un ottimo Mattia Finadri, giunto 3° al traguardo. Nella volata per la vittoria si è inserito anche Andrea Proverbio, 4° al traguardo nella scia dei primi 3 e autore del giro più veloce in gara. L’ultimo gradino del podio di Gara 1 è andato a Francesco Montoneri, che ha preceduto Iacopino, Cereda, Corradi, Rossi, Falcone e Polloni. In Gara 2 Magistro si è ripetuto battendo ancora una volta Chenda, Finadri e Proverbio che, come in Gara 1, sono giunti sotto alla bandiera a scacchi raccolti in un fazzoletto. Rispetto al podio di Gara 1, l’unica differenza è stata la presenza di Alessandro Cereda, ottimo 5° classificato davanti a Falcone, Polloni, Corradi, Rossi e Montoneri.
 
JUNIOR -  Gara 1 della Junior è stata animata da un confronto spettacolare tra Andrea Costa e Rodolfo Cambiaso a cui, nelle prime fasi di gara, si erano aggiunti anche Nicali e Ceruti, rimasti poi coinvolti in un contatto e quindi attardati. Ne hanno approfittato quindi Mattia Masciarelli ed Emanuele Romano che, dopo qualche problema nelle fasi iniziali, si sono uniti ai leader della gara. Sotto alla bandiera a scacchi Andrea Costa è riuscito a controllare Cambiaso, vincendo con 4 decimi di margine, mentre Masciarelli è arrivato a meno di 1", facendo segnare il giro più veloce della corsa. Al 4° posto ha chiuso una gara molto positiva anche Romano, che ha preceduto sull’ultimo gradino del podio Gallesi. A seguire, 6° posto per Mancasola che ha preceduto Zane, Grasso, Difino e Nicali. Se Gara 1 era stata tirata e spettacolare, Gara 2 lo è stata ancora di più, anche se l’ordine di arrivo è stato determinato dalle decisioni della Direzione Gara. Sotto alla bandiera a scacchi, infatti, la vittoria era andata a Mattia Masciarelli, ma a causa di un contatto con Cambiaso, lo stesso è stato penalizzato di 3”, retrocedendo al 3° posto e lasciando il gradino più alto del podio proprio a Cambiaso, vincitore davanti a Emanuele Romano. Detto della penalità di Masciarelli, la stessa sorte è toccata anche ad Andrea Costa per un contatto nei confronti di Gallesi, retrocesso con 5” di penalità al 4° posto. Sul 5° gradino del podio è salito Matteo Zane, mentre al 6° posto si è classificato Mancasola davanti a Difino. La top ten è stata completata da Grasso, Gallesi e Ceruti.
 
SENIOR - Diego Colella è stato il mattatore di giornata nella Senior, con l’affermazione in entrambe le Finali, oltre ad aver ottenuto la pole position nelle qualifiche. Ma la sua giornata è stata tutt’altro che semplice: in Gara 1 il suo successo è arrivato per soli 55 millesimi su Marco Ferazzini che l’ha tallonato per tutta la gara, tentando l’affondo all’ultimo giro, mentre in Gara 2 il duello sempre con Ferazzini si è concluso con un margine di soli 3 decimi. In Gara 1 alle spalle dei due grandi protagonisti della corsa si è classificato Nicolò Tarocco, bravo a rispondere colpo su colpo a tutti gli affondi di Liberiano Guerra, giunto 4° davanti a Nicola Mauro. Giù dal podio è rimasto Andrea Ceccato, comunque ottimo 6° classificato davanti a Puddu e Salvatore Ferlito. Al 9° posto ha chiuso la corsa Gaspari, passato dalla Master alla Senior, mentre la top ten l’ha completata Gloiria Marchetto. Gara 2 è stata nuovamente vinta da Colella su Ferazzini, ma va detto che si è disputata su due frazioni in quanto al primo giro è stata esposta la bandiera rossa per il contatto tra Bettinelli e Schifano, che ha causato l’impatto di quest’ultimo contro le barriere dell’ultima curva. Fortunatamente nonostante la dinamica pericolosa Schifano è uscito illeso dall’incidente, mentre Wesley Bettinelli è stato penalizzato con 10” e retrocesso dall’11° al 21° posto. Come detto Gara 2 è stata nuovamente un affare privato tra il vincitore Colella e Ferazzini, mentre al 3° posto ha chiuso con grande determinazione Andrea Ceccato, bravo a battere in volata Guerra e Tarocco, conquistando così punti molto importanti in “chiave” Campionato. Al 6° posto ha terminato una gara eccezionale disputata con il passo dei primi Gloria Marchetto, mentre al 7° posto si è classificato Nicola Mauro. La top ten è stata completata da Puddu, Ferlito e Gaspari.
 
MASTER - Gara 1 è stata decisa in volata all’ultimo giro quando Simone Frealdo ha avuto lo spunto per battere di solo 1 decimo Stefano Albanese e di poco più di 3 decimi Andrea Guglielmetti. Avvincente è stato anche il fotofinish per il 4° posto, andato a Michele Ferrando in volata su Domenico Ferlito. Al 6° posto si è classificato Enrico Ferdusi, quindi Pienovi è risalito fino alla 7a posizione, davanti a Ravaglia. In top ten anche Andrea Franchi, 9° davanti a Roberto Cazzolli. Battuta a vuoto in Gara 1, invece, per il leader del Campionato Cavalieri e per Perseghin, coinvolti in un contatto costato a Cavalieri anche 5” di penalità. In Gara 2 il confronto Albanese - Frealdo si è ripetuto con il primo che ha vinto di misura la corsa, precedendo l’avversario di soli 34 millesimi, mentre al 3° posto ha concluso ancora un'ottima gara Michele Ferrando, giunto in volata a soli 6 decimi dal vincitore. Al 4° posto si è inserito nelle battute finali Enrico Ferdusi, bravo ad approfittare di un calo di Guglielmetti, scivolato dalla testa della corsa fino all’8° posto, preceduto sotto la bandiera a scacchi anche da Domenico Ferlito, Pienovi e uno strepitoso Perseghin, risalito dal 20° al 7° posto. In top ten hanno chiuso una corsa positiva anche Ravaglia e Vincenzo Ferlito, rispettivamente 9° e 10° al traguardo. Per quanto riguarda la Master - Over, doppio successo per Ferrando e classifica che rimane guidata da Cavalieri con 214,5 punti, davanti a Ottini, rimasto a quota 194 dopo un weekend sfortunato e Ravaglia, 3° con 187,5 punti.

Press Release by: Briggs e Stratton - 12/07/22

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!