Ricard Ferrando (MDC Racing Coach): "Ci si deve immedesimare nel pilota e capire sia lui che il kart".

Columns: Intervista
Abbiamo parlato con Ricard Ferrando, che mette la sua esperienza di pilota e le sue conoscenze nell'acquisizione dati al servizio del team ufficiale Birel Art Spain per raggiungere i migliori risultati.

Ciao Ricard, abbiamo visto che il numero di squadre karting che includono un coach nei loro ranghi è in aumento, quale vantaggio pensi che abbiano rispetto a quelle che non lo fanno?
Penso che sia un vantaggio avere una persona, al di fuori del meccanico e del team manager, che porta la propria esperienza e visione per aiutare il pilota a migliorare ogni giro. Avere quella persona è un valore aggiunto, dobbiamo dare valore a quella figura! È una persona che sta al fianco del pilota, che offre la propria esperienza e capisce quello che il pilota dice e viceversa. Creare un legame con lui è molto importante.

Quali sono le qualità che un coach dovrebbe avere o quali sono le qualità che ritieni di avere nel tuo caso?
Vado molto d'accordo con i bambini, li capisco e so anche interpretare quello che mi dicono sul funzionamento del kart. Il fatto di essere stato un pilota è un fattore determinante. Anche la conoscenza di tutto ciò che riguarda l'acquisizione dei dati è importante, uno strumento molto prezioso, ma ci si deve immedesimare nel pilota e capire sia lui che il kart. L'ascolto è molto importante, perché fornisce molti indizi. L'esperienza tecnica e il rapporto con i bambini ti devono piacere se vuoi lavorare con loro.

L'armonia e la complicità sono decisive, l'atmosfera che si crea tra coach e pilota, così come nella squadra. Nel vostro caso, MDC Racing, dove l'atmosfera di lavoro sembra molto positiva, è così?
Assolutamente sì. L'MDC è una famiglia, siamo tutti insieme e uniti. Si può notare che quando, ad esempio, un meccanico ha un problema, basta uno sguardo per convincerne un altro ad aiutarlo. C'è una bella atmosfera nella tenda, arrivano all'inizio della giornata con il sorriso sulle labbra.



È questa una delle chiavi per ottenere risultati?
Sì, tutti i membri della squadra sanno cosa devono fare. Oriol, ad esempio, oltre ad avere una passione per il karting e divertirsi, è stato un pilota e conosce molto bene il materiale, sa cosa deve fare per farlo funzionare e come lavorare per ottenere il meglio. È inoltre molto importante avere il supporto diretto della fabbrica, come abbiamo fatto noi.

Quali sono, in linea di massima, i tuoi compiti in un weekend di gara?
Alla fine di ogni manche scarico i dati di ogni pilota e li analizzo, poi parlo con il pilota e gli chiedo di spiegare come si comporta il kart o i problemi che incontra, per poi confrontarli con quanto ci dice la telemetria. Questo, insieme all'osservazione del pilota in pista e a ciò che ci dicono i meccanici, ci dà le informazioni necessarie per trovare il giusto assetto.

Infine, sempre più persone si dichiarano coach, anche se non sempre hanno le qualità necessarie, e alcuni tuoi colleghi, come Pedro Ivars, ritengono che sarebbe necessario regolamentare in qualche modo la vostra figura, con una licenza. Qual è la tua opinione?
Anche se è complicato rispondere a questa domanda, considero Pedro Ivars un punto di riferimento e sono totalmente d'accordo con lui, penso che dovrebbe essere regolamentato e professionalizzato. Non è normale al giorno d'oggi che un ragazzo di 16 anni entri in pista, come allenatore, e che la sua priorità sia fare giri e divertirsi! No, si tratta di qualcos'altro, di insegnare i valori, di insegnare la propria esperienza e di imparare in pista, sì, e poi tutto quello che si è fatto in pista, parlarne e spiegare il motivo di tutto.
 

Created by: ciuccigiulianimarta - 14/09/22

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!