Cervia - Round 8, Report

Press Release by:
Columns: Gare
La pista di Cervia, sede dell’8° appuntamento stagionale per la serie Briggs Kart Championship, si è rivelata ideale per esaltare la dinamicità dei leggeri telai CRG FS4 e le caratteristiche del motore 4 tempi Briggs & Stratton. Già nelle prove di qualificazione i distacchi sono stati minimi, premesse che hanno poi dato vita a gare spettacolari. Un grande contributo allo show che si è vissuto dalle tribune l’hanno dato i piloti, bravi e corretti, protagonisti di tante gare decise solo all’ultimo giro al fotofinish.

Ma la tappa di Campionato alla Happy Valley, penultima della stagione, è stata soprattutto la gara che ha incoronato il primo Campione Nazionale del 2022: Federico Chenda nella categoria Mini. Il giovanissimo portacolori del Team Scuola Karting Abruzzo Academy ha ottenuto il 2° posto in Gara 1 (alle spalle di Alessandro Cereda) e la vittoria nella 2ª finale, portandosi nella graduatoria di Campionato a quota 329 punti, irraggiungibile con un solo round al termine, dall’avversario diretto Mattia Finadri, che a Cervia ha vissuto una giornata molto sfortunata.
Anche nella Junior la questione titolo sembra definita, con Rodolfo Cambiaso che, nonostante un weekend non perfetto, sale a quota 255 punti in Campionato contro i 208 di Nicali e i 207 di Mancasola, vincitore di entrambe le gare di Cervia. Anche Difino è tenuto in gioco dalla matematica, ma realisticamente tutti gli inseguitori hanno poche chance di contrastare il portacolori del team Raceland Vicenza. Discorso completamente differente nella Senior, dove i due principali contendenti al titolo Guerra e Ferazzini hanno ottenuto una vittoria a testa a Cervia e ora sono divisi da un solo punto nella classifica generale. Infine, per la classe Master, che ha corso con il format delle tre gare e i piloti suddivisi in tre Gruppi (A-B-C), in Gara 1 si è imposto Gastaldi su Cavalieri, in Gara 2 il successo è andato a Domenico Ferlito che ha preceduto Perseghin, mentre in Gara 3 si è ripetuto Gastaldi, questa volta su Ferdusi. In Campionato nella Master Stefano Perseghin si è portato a quota 226 punti contro i 190 di Cavalieri e 174,5 di Ferlito, quindi a Pomposa nell’ultimo appuntamento stagionale il leader della classifica avrà la possibilità di gestire un margine abbastanza significativo. L’attesa per l’ultima gara della stagione è già alle stelle e quello di Pomposa si annuncia come un weekend assolutamente da non perdere.
 
MINI - Al via di Gara 1 un contatto tra Cereda e Finadri ha messo fuori gioco quest’ultimo che, di fatto, abbandona così le ultime chance di contrastare per il titolo Chenda fino all’ultima gara. Per la manovra che ha causato il contatto alla prima curva Cereda sarà ammonito dalla Direzione Gara, ma il provvedimento non modificherà la classifica finale che vede proprio il portacolori dell’Edilpardo 115 Team Kart Racing cogliere il 3° successo stagionale, scavalcando con una manovra molto bella all’ultimo giro Federico Chenda. Da parte sua, Chenda, ha disputato l’ennesima gara da protagonista e con il 2° posto si è avvicinato alla conquista matematica del titolo. Al 3° posto si è classificato Andrea Proverbio, che ha fatto segnare anche il giro più veloce della corsa, mentre in 4ª posizione ha chiuso Michele Polloni. L’ultimo gradino del podio di Gara 1 è andato a Loris Accomasso, bravo a vincere al fotofinish il duello con un altrettanto bravo Marco Sinis. A seguire, 7° posto per Luca Falcone, che ha preceduto Thomas Ometto, alla sua prima gara in assoluto in go-kart. In Gara 2 Federico Chenda ha avuto la meglio dopo un lungo duello su Cereda e Proverbio, che hanno chiuso in “volata” alle sue spalle, conquistando così matematicamente il titolo di categoria 2022. Sul podio in Gara 2 anche Sinis e Iacopino, rispettivamente 4° e 5° al traguardo, mentre Polloni ha chiuso al 6° posto precedendo Falcone. In 8ª posizione ha chiuso una giornata molto sfortunata Mattia Finadri, out in Gara 1 e ancora coinvolto in un contatto in Gara 2, mentre cercava di risalire la classifica.
 
JUNIOR - Gara 1 della Junior ha visto un trenino di ben 8 piloti lottare "ruota ruota" per la vittoria e tantissimi avvicendamenti nelle posizioni di vertice, ma nel corso dell’ultimo giro lo spunto vincente l’ha avuto Mattia Mancasola che, al fotofinish, ha preceduto Matteo Zane e Alessio Zacchi. Al 4° posto, lievemente più staccato, ha chiuso la corsa Maurizio Sanità, al debutto nella categoria con i colori di Scuola Karting Abruzzo Academy e subito tra i protagonisti. Al 5° posto si è classificato Marco Difino, che ha raccolto molto meno di quanto avrebbe meritato, dopo aver guidato a lungo la corsa ed essere scattato dalla prima fila. Giù dal podio è rimasto invece il leader del Campionato Rodolfo Cambiaso, anche se si è consolato con il giro più veloce della corsa. A seguire, Nicali ha preceduto Masciarelli, mentre al 9° posto si è classificato Murgia dopo un contatto che l’ha retrocesso nel corso dell’ultimo giro mentre occupava la 5ª posizione, infine, Federico Gallesi ha completato la top ten. In Gara 2 la dinamica della corsa è stata simile a Gara 1, con un trenino compatto che ha lottato per fino alla bandiera a scacchi dove, ancora una volta, di misura si è imposto Mattia Mancasola, questa volta su un ottimo Rodolfo Cambiaso, 2° a 189 millesimi dal vincitore. Positivo anche Marco Difino, 3° classificato nella scia dei primi due, così come Mattia Masciarelli e Maurizio Sanità, 4° e 5° al traguardo. A seguire, 6° posto per Gallesi, 7ª posizione per Nicali e 8° posto per Zane, mentre Ceruti e Costa hanno completato la top ten. Da segnalare l’uscita di pista al 4° giro di Alessio Zacchi che è stato costretto al ritiro.
 
SENIOR - Marco Ferazzini e Liberiano Guerra si sono giocati il successo di Gara1 all’ultimo giro quando Ferazzini ha trovato il sorpasso vincente precedendo l’avversario (anche nella lotta per il titolo) di 102 millesimi. Leggermente più staccato ha chiuso una gara da protagonista anche Nicolò Tarocco, autore anche del giro più veloce della corsa, mentre alle sue spalle si è classificato Riccardo Baldon, particolarmente competitivo sulla pista romagnola. Sull’ultimo gradino del podio è salito Wesley Bettinelli e al 6° posto si è classificato Luca Danese, che ha preceduto Andrea Ceccato. La top ten è stata completata da Domenico Ferlito, Mauro Nicola e Lorenzo Casarini. In Gara 2 è arrivata l’immediata rivincita per Liberiano Guerra, che ha vinto la corsa in volata su Riccardo Baldon, che si è inserito come outsider tra i due contendenti per il successo disputando la sua migliore gara della stagione. Marco Ferazzini si è dovuto accontentare del 3° posto e di fatto il Campionato si deciderà a Pomposa, dove saranno determinati anche gli scarti per assegnare il titolo. Tornando a Gara 2 di Cervia, va detto dell’ottima prova di Mauro Nicola, che nel corso dell’ultimo giro ha avuto la meglio su Domenico Ferlito, dopo un leggero contatto che ha procurato un'ammonizione al pilota del team Keystone & Ldc. Ferlito ha chiuso così la gara in 6ª posizione, preceduto anche dal compagno di team Giorgio Rosin. Ancora una gara leggermente sotto tono per Ceccato, 7° al traguardo davanti a Casarini, Puddu e Santarelli.
 
MASTER - Gara 1 ha visto i gruppi A e B inaugurare la giornata di gara e per raccontare nel modo migliore la corsa basta dire che il vincitore Ruben Gastaldi si è imposto al comando, dopo vari avvicendamenti, per soli 131 millesimi su Massimo Cavalieri, di 303 millesimi su Stefano Perseghin, 3° al traguardo e di 593 millesimi su Enrico Ferdusi 4° classificato. Al 5° posto nella scia dei primi ha chiuso Ligotti, quindi Ottini ha preceduto Domenico e Salvatore Ferlito. Al 9° posto si è classificato Diego Colella, passato dalla Senior alla Master proprio dalla gara di Cervia, mentre Tony Di Giulio ha completato la top ten. Gara 2 ha visto la sfida dei piloti dei Gruppi B e C con Domenico Ferlito che ha conquistato il successo di misura (soli 2 decimi di secondo) sul compagno di squadra Stefano Perseghin, mentre al 3° posto si è classificato Andrea Guglielmetti, staccato di soli 7 decimi dal vincitore. A podio in Gara 2 anche Diego Colella, ottimo 4° al traguardo davanti a Michele Ferrando. A seguire, 6° posto per Salvatore Ferlito, 7ª posizione per Simone Frealdo e 8° posto per Diego Garibaldi. La top ten è stata completata da Ravaglia e Galiazzo, rispettivamente 9° e 10°. Gara 3 della Master ha chiuso la giornata di gare alla Happy Valley e ha visto il successo nuovamente di Ruben Gastaldi, ancora una volta al fotofinish su Ferdusi, preceduto di soli 369 millesimi sotto alla bandiera a scacchi. Al 3° posto si è classificato con una gara molto positiva Tony Di Giulio e al 4° posto ha chiuso Andrea Guglielmetti. L’ultimo gradino del podio è andato a Michele Ottini, che ha preceduto Ferrando, Ligotti, Pienovi, Barletta e Frealdo. Nella speciale classifica Over 45, i successi sono andati in Gara 1 a Gaetano Ligotti, in Gara 2 a Michele Ferrando e in Gara 3 a Michele Ottini. 

Press Release by: Briggs e Stratton - 11/10/22

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!