Il karting: uno sport per ragazzini?

- Editoriale
Ragazzi in media tra gli 8 e i 13 anni sono i grandi protagonisti del karting Mondiale ed è intorno a loro che ruota l’intero circus di uno sport che da anni si trova sotto esame ma che di fatto non ha visto alcun significativo cambiamento di mentalità e vede piuttosto consolidarsi la situazione come una nuova ‘normalità’. (fm)

L’avere introdotto il karting nella filiera FIA ha senza dubbio rivoluzionato il modo in cui si deve guardare a questo sport. Non è affatto comune che il livello più alto del ranking di uno sport (quale esso sia) sia occupato da, di fatto, bambini. In quasi tutti gli sport esistono categorie giovanili, generalmente non professionistiche, e categorie professionistiche. Guardando alla IKR (il ranking FIA dei piloti di kart a livello Mondiale) tutti i primi posti sono occupati da piloti delle classi Junior e Mini, creando la percezione che il livello più alto in assoluto di questo sport sia espresso da piloti nati nel 2010. Viene difficile pensare, o quantomeno risulterebbe anomalo che in qualunque altra classifica o ranking (si pensi a Tennis, atletica, ciclismo…), il top fosse rappresentato da atleti del 2010, e non è una rappresaglia da boomer. E’ una riflessione su cosa ci aspettiamo e quale livello di credibilità possa avere per il grosso del pubblico mondiale il nostro sport al suo livello più alto, se questo è di fatto uno sport per bambini. Se a ciò aggiungiamo il fatto che il budget che regge questa sorta di professionismo al contrario è completamente fuori controllo e alla portata di pochissime persone al mondo – sì, pochissime al mondo – la crisi di credibilità è completa. Si dirà che il karting non vuole né deve essere credibile, e che si tratta di una fase propedeutica di una carriera ben più lunga: non è proprio così, a ben vedere. Il karting, come ogni altro sport propedeutico, deve o perlomeno dovrebbe essere credibile – nelle modalità di accesso, nella sua capacità di valorizzare gli atleti (in questo caso giovanissimi) in maniera equilibrata e adatta alla loro età e invece ci troviamo di fronte ad uno sport professionistico per bambini gestito da adulti dove gli unici intrusi forse sono proprio i bambini…
 

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!
Follow Us on Facebook