OKN, tempo di bilanci

- Opinioni
Sul finire della prima stagione delle nuove categorie OK-N e OKN-J proviamo a fare un bilancio, valutando pro e contro delle categorie che stanno rilanciando il karting monomarcia in Italia (e non solo…) p.m.

Una buona partenza
Che la OK-N avesse fatto la fine della KF a livello nazionale era il timore di tutti e, in parte, anche noi di Vroom temevamo che la nostra lotta per tornare a una categoria monomarcia seria fosse senza speranza. D’altra parte, però, sapevamo che a livello nazionale il monomarca di maggior successo non è che offrisse molto di più, con molte ombre e poche luci: scarsissime prestazioni, costi ingiustificati, presenza di team ufficiali, gomme più che discutibili… Gli ingredienti c’erano tutti per una fuga di massa. E così, dopo un inizio traballante dovuto ai ritardi nella fornitura dei motori, le classi OK Nazionali si sono affermate con numeri che, al giorno d’oggi, sono più che incoraggianti in vista della stagione 2024.

Vantaggi e svantaggi
Tra i vantaggi più grandi della OK-N sono le prestazioni, che rendono la guida più divertente e appagante per il pilota, oltre ad assicurare una maggiore selezione in gara. Guidare dei mezzi in cui dare il gas prima non implica nessuna difficoltà è molto frustrante, soprattutto poi quando la differenza tra due motori in fiche si vede inspiegabilmente e inesorabilmente in fondo al rettilineo. A parità di costi, in un mercato concorrenziale i piloti possono scegliere a chi rivolgersi, le Case hanno tutto l’interesse che i piloti abbiano il miglior materiale e, di conseguenza, c’è più speranza di non essere tagliati fuori dai giochi. 

Una categoria promozionale per esserlo dovrebbe mantenere i costi più bassi possibili. Ottima la scelta di non montare i carburatori a vaschetta dalle OK-N, che andrebbero tolti anche dalla Minikart. Tra gli svantaggi ci si lamenta delle difficoltà dell’avviamento a spinta. Su questo, però ci sentiamo di bacchettare i piloti: ai tempi della 100 partire da soli era fondamentale e tutti si allenavano a farlo. Oggi, invece, i giovani preferiscono farsi spingere dai meccanici. Giancarlo Tinini, boss della CRG, ha detto chiaramente che sta chiedendo ai suoi piloti di impegnarsi maggiormente in questa pratica, allenandosi anche in quello. Certo, il paraurti posteriore in plastica complica questa operazione, ma anche questo accessorio andrebbe rivisto per evitare sì i capottamenti ma soprattutto per evitare di essere squalificati per essere stati tamponati e non rientrare più nei limiti di misura regolamentari tra la gomma e il paraurti.

OKN-J: troppo pesante!
Per la OKN Junior bisognerebbe iniziare a pensare ad abbassare il peso minimo, anche a livello internazionale. In una nostra statistica abbiamo verificato che oltre l’80% dei partenti della OKJ internazionale porta con sé almeno 10 kg di zavorra, ma c’è chi corre con 23 kg. Abbassando drasticamente il peso, diciamo 10 kg, avremmo più sicurezza e, magari, sarebbe anche più facile ripartire. Il motorsport è fatto per persone magre, c’è poco da girarci intorno: nessuno vieta a chi è in sovrappeso per questioni di statura di partecipare, magari alleggerendo il kart di inutili orpelli, ma non si può neanche obbligare la stragrande maggioranza dei piloti a portare dietro oltre 10 kg di piombo! Tanto, se uno va forte, vince anche se è qualche kg sopra il limite: la storia del kart è piena di piloti in sovrappeso che sono arrivati fino alla Formula 1!

OK-N, forse da migliorare
Tra le due categorie, quella che forse avrebbe bisogno di una leggera rivisitazione è la OK-N. La differenza prestazionale con la Junior è molto ridotta, visto che la maggiore potenza è in parte rosicchiata dal maggiore peso. Poi vengono usate le stesse gomme della Junior, il che livella troppo le prestazioni. Ridurre il peso anche nella OK-N. Sulle gomme, poi, c’è un discorso a parte da fare: a cosa serve un treno di gomme che può durare 200 giri quando in una gara se ne fanno circa 80? Se ci mettiamo poi che di quelle gomme se ne usano fin troppe, è un assurdo. A questo punto sarebbe meglio puntare, almeno nella OK-N, su gomme più morbide.
 

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!
Follow Us on Facebook