La FIA, dopo aver trasformato il kart nella Formula 5, dice che costa troppo

Columns: Primo Piano
Le dichiarazioni di Sulayem in merito ai costi folli dello sport fanno discutere, ma non brillano per coerenza. (fm)

C’è una parola che, in qualunque discussione sul karting, scatena il dibattito: “costi”. Che lo dica un pilota di F1, un ex-pilota in pensione, un dirigente: ma quanto costa oggi il kart, bla bla bla.
Ci sono almeno due punti da tenere in considerazione però, perché se no è anche inutile iniziare a parlarne.
Uno è “chi ha detto cosa” perché è vero che viviamo nell’epoca che ha dato voce a chiunque (purtroppo), ma non chiunque può dire qualunque cosa: c’è un dettaglio chiamato ‘libertà di parola’ per cui un pasticcere non può parlare di dolci che fanno male e un gioielliere di diamanti che costano troppo insomma ci siamo capiti. L’altro è: “chi dovrebbe rispondere” e come.

Sul primo punto, in qualità di magazine e piattaforma web e social, Vroom ha detto fin troppe volte la sua: attaccare quanto detto da Sulayem è un po’ come sparare sulla croce rossa. Chi ci conosce sa da che parte stiamo, quali siano le politiche che abbiamo sempre sostenuto e quelle che evidentemente a nostro parere avrebbero portato – e portano – ad una escalation di costi senza fine. Quindi è semplice: aver creato una filiera che definisce nei minimi termini i passi per arrivare in F1 è stata opera della FIA. Aver inglobato, ad un certo punto, il karting in quella filiera facendone di fatto una Formula 5, è sempre responsabilità della FIA. Avere “professionalizzato” da un lato le corse di kart – portando i bambini via dai banchi di scuola al martedì per una gara che si corre la domenica non è stato l’orco delle fiabe, ma è stata questa politica. Averlo “juniorizzato” come disciplina, relegandolo ad ultimo gradino della filiera e quindi spogliandolo della sua dignità sportiva è sempre una loro responsabilità: alzi la mano chi si è esaltato a vedere il duello Forè-Manetti in KZ Master, tanto per fare due conti: ecco ragazzi, quello è il karting.
Se un pilota di 15 anni va forte in kart la domanda che gli fanno è “quando passerai in auto” e non “in quale team ufficiale di kart ti piacerebbe correre l’anno prossimo”. L’altro punto è più spinoso perché a noi piacciono i commenti degli appassionati, piace anche la discussione (questa geniale definizione di “Formula 5” proviene proprio da uno di loro…) ma ad un certo punto, e diremmo che a quel punto ci siamo arrivati, i commenti devono essere di quelli che questo sport lo fanno. I costruttori, in primis, i Team, perché no, i piloti – anche se, e non vogliamo offendere nessuno, i più grandi hanno 14 anni…
I costi che la FIA impone, per esempio, il programma di gare (inclusi eventi collaterali sulla falsa riga FIA), un calendario assurdamente lungo che tanti criticano ma che rimane lo standard da anni. Il kart costa? Si, parecchio: non è il nuoto, o la pallavolo. Non è per “tutte le famiglie”, non siamo illusi fino a questo punto, ma sta sotto gli occhi di tutti il fatto che i costi non risiedono tanto nel mezzo in sé, dato che soprattutto con OK e OKN si è raggiunto un buon compromesso di affidabilità. Il costo è nella filosofia, nel modo in cui è concepito: se creiamo un evento che dura 5 giorni, se lo creiamo ogni due settimane, se all’interno di quell’evento impieghiamo migliaia di persone tra meccanici, addetti a qualunque cosa, allora anche una gara di biglie arriverebbe a costare cifre esorbitanti. Il kart in sé è un mezzo economico, basta girarci intorno. Costa più di un motorino, ma tutto sommato ha un costo di acquisto ragionevole, e – in molti casi – anche come manutenzione. Sulle gomme, sul consumo e sui regolamenti, si può sedersi al tavolo e discutere. E’ tutto il resto che ha un problema: quindi questo è il momento, dato che la dichiarazione del Presidente è ancora calda di microfono.
E’ il momento, per tutti quelli che questo sport lo fanno e che hanno da dire qualcosa, di dirlo.
 

Created by: fmarangon2 - 31/12/23

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!