Ripartire da soli, che problema!

Columns: Opinioni
La CIK FIA ha recentemente modificato il regolamento tecnico delle classi OK permettendo l’impiego di un manettino con funzione di acceleratore sul sedile del kart. Ma, evidentemente, non è questa la soluzione al problema…(pm)

Mettetevi nei panni non tanto del pilota, quanto del genitore che ha pagato oltre 10000 Euro per una gara in OKJ in un buon team. Pronti… via! e, alla prima curva, un contatto di gara manda in testacoda il pargolo-futuro-verstappen. Morale della favola: 10000 Euro (se bastano…) buttati.

Il ritorno alle classi con motori a presa diretta è stata la soluzione alle continue problematiche e ai costi proibitivi della KF con avviamento elettrico, ma alcune cose vanno sicuramente riviste, sia dal punto di vista tecnico che umano. In sostanza la CIK FIA ha voluto introdurre l’acceleratore manuale sul sedile per facilitare la partenza ma, come vedremo, questa soluzione è soltanto un placebo a fronte di una serie di mali più grandi. E poi, personalmente nutro forti dubbi sulla sicurezza di questo dispositivo: e se il kart partisse senza il pilota, percorrendo pericolosamente qualche decina di metri tagliando la pista in gara?

Il lato tecnico
Noi di Vroom contestiamo da sempre l’eccessivo peso di tutte le categorie, dalla Minikart alla KZ. A questo insensato aumento di peso si unisce la scarsa qualità dei moderni pneumatici, spesso ago della bilancia in gara. 140 kg di peso minimo per la OKJ è un valore inaccettabile in quanto, per essere “inclusivi”, si vuole mettere sullo stesso piano tutti i piloti, anche quelli che sono evidentemente fuori misura per questo sport.
La storia del karting è costellata di piloti che correvano e vincevano sovrappeso, ma mai in passato si è pensato di essere “inclusivi” a costo di far caricare una media di 10 kg di piombo al 90% dei partenti. E’ come se la Federazione Basket imponesse ai giocatori alti più di 2 metri di giocare in ginocchio per essere inclusivi nei confronti di chi è alto un metro e mezzo. Ai tempi, chi era fuori peso aveva 3 opzioni: mettersi a dieta, cambiare sport o dimostrare di essere bravo anche se penalizzato da madre natura. Quindi, già abbassando il peso della OKJ a 130 kg, avremmo dei kart più facili da far partire e più sicuri in ogni circostanza. Che poi il salto prestazionale tra Minikart e OKJ sia eccessivo, che le piste sono troppo veloci e poco formative, che le gomme hanno una qualità pessima ad un prezzo assurdo, sono cose che tutti sappiamo. La soluzione dell’avviatore e frizione centrifuga sembrerebbe valida, se poi non ci fossero i soliti furbacchioni pronti ad approfittare delle disattenzioni dei verificatori…

Il lato umano
Non voglio passare da vecchio boomer, ma la lamentela nel paddock del kart che conta è sempre la stessa: i giovani non sanno partire da soli e non vogliono allenarsi a farlo. Certo è che un fuscello di 40 kg che deve spingere un kart che pesa 100 kg con la compressione di un 125, anche con il decompressore, è uno sforzo enorme. Ma anche quelli fisicamente più prestanti non hanno proprio la minima intenzione di provare questo non facile gesto atletico. Da un lato i team non possono chiedere a chi paga cifre considerevoli di far sporcare le mani al pargolo: la paura di veder scappare il cliente è troppo grande. Dall’altro chi “investe” sul giovane pilota si sente un po’ preso in giro dal vedere il figlio essere costretto a lunghe sessioni di allenamento alla ripartenza.

Ai tempi della 100 Cadetti, peso minimo 120 kg, metà dei piloti in gara era capace di ripartire da solo: le sessioni di prova si concludevano sempre con quella mezz’ora destinata all’allenamento alla partenza. Poi, in gara, c’erano dei volontari in pista che dovevano aiutare i piloti finiti in testacoda a ripartire. Il passato insegna? Di certo, chi ignora la storia è destinato a ripeterne gli errori…   

 

Created by: fmarangon2 - 05/03/24

Naviga le Rubriche

RACES

INTERVIEWS

ON THE TECHNICAL SIDE

FROM KART TO F1

SIM - Racing Simulator

OPINION

PROSSIME GARE

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del kart!